top of page
  • Cristina Amici degli Elci

Il mare che unisce, torna il Festival Adriatico Mediterraneo ad Ancona


Giunta alla XVII edizione, la rassegna culturale esplora linguaggi ed espressioni dell’arte e della musica del bacino mediterraneo. Focus sulla Croazia per l’edizione 2023. Fra gli ospiti, Ginevra Di Marco, Enzo Gragnaniello e Riccardo Tesi. Dal 30 agosto al 3 settembre




È giunto alla XVII edizione Adriatico Mediterraneo Festival, la kermesse che esplora le diverse espressioni della musica del bacino mediterraneo.

In scena dal 30 agosto al 3 settembre ad Ancona una serie di appuntamenti che raccontano la cultura e i linguaggi artistici del Mediterraneo: i Balcani dopo le guerre, lo sviluppo dell’Europa a sud, l’approfondimento dell’attualità dell’area, l’ambiente e l’ecosistema marino. Con la curiosità di ritrovare il filo che unisce e permette la cooperazione tra popoli e culture. Nato nel 2007 dall’esperienza del Festival di Musica Klezmer, attivo dal 1996, Adriatico Mediterraneo si colloca tra i più importanti festival del settore a livello nazionale. Adriatico Mediterraneo da sempre pone lo sguardo verso l’altra sponda dell’Adriatico e quindi è stato naturale viaggiare insieme alla Macroregione Adriatico Ionica che quest’anno ha la presidenza di turno della Croazia: proprio a questo Paese sarà dedicato un focus all’interno del festival. Ricco e variegato il cartellone della manifestazione: incontri di approfondimento, proiezioni cinematografiche, mostre, convegni e concerti in location coinvolgenti e suggestive del capoluogo dorico come la Corte, la Sala Polveri e la Sala Boxe alla Mole. Si terranno esibizioni all’alba di fronte al mare (Terrazza sul mare della Sala Eventi Unicorn al Passetto), punto di unione e di contaminazione artistica tra le varie nazioni. Tra gli ospiti dell’edizione 2023, l'artista fiorentina Ginevra Di Marco, il cantautore partenopeo Enzo Gragnaniello, l'organettista Riccardo Tesi, il chitarrista Giuseppe Moffa, i Kalascima, il virtuoso della tambura (strumento tipico croato), Filip Novosel, il giornalista Marco Ansaldo e tanti altri.

Adriatico Mediterraneo Festival è un progetto dell’Associazione Adriatico Mediterraneo con il sostegno della Regione Marche, del Comune di Ancona, di Adriatic & Ionian Iniziative, di AMAT, di Puglia Sound, di Fondazione Molise Cultura e della Sala Eventi Unicorn.

Fra i partner, AICC (Associazione Italiana di Cultura Classica), Associazione Nie Wiem, Barangolo, Feltrinelli e il ristorante L'Ascensore.



Si parte mercoledì 30 agosto, ore 18 alla Loggia dei Mercanti, con il conferimento del Premio Adriatico Mediterraneo 2023 a Joze Tomaš, presidente del Forum della Camera di Commercio Adriatico-Ionica (AIC), per il suo prezioso contributo alla crescita dell’associazione e al consolidamento delle relazioni fra i paesi della macroregione.

A seguire, il concerto del duo Tihomir Hojsak (contrabbasso) Filip Novosel (tambura, strumento tradizionale croato), un viaggio musicale che si muove fra il jazz contemporaneo e la tradizione folk della Croazia. Alle 21.15, sul palco della Corte della Mole, andrà quindi in scena lo spettacolo “Donna Ginevra e le Stazioni Lunari”, uno spettacolo in cui l’artista toscana Ginevra Di Marco ripercorre gli ultimi quindici anni della propria ricerca musicale, dal rock al cantautorato popolare, incrociando volti, suoni, memorie e colori.


All’alba di giovedì 31 agosto (ore 6), in Terrazza Eventi Unicorn al Passetto, l’esibizione di Christian Di Fiore, uno dei più grandi virtuosi della zampogna, mentre nel pomeriggio sono previsti due convegni: “Da Matvejevic a Modric. Una vita con la Croazia” con Silvio Ferrari e il giornalista e scrittore Marco Ansaldo, presenza fissa dell’edizione 2023 di Adriatico Mediterraneo, e “I rapporti tra l'antica scienza greca e la scienza moderna” con Lucio Russo e Mara Tirelli. In serata, alla Mole (ore 21.15), il travolgente tarantismo elettronico dei Kalascima in concerto. Riccardo Tesi arricchirà l’alba del capoluogo dorico con il suo organetto conosciuto in tutto il mondo il giorno successivo, venerdì 1 settembre sempre nella Terrazza Eventi Unicorn (ore 6), e altri due momenti di approfondimento sono in programma nel pomeriggio. Dopo cena (ore 21.15), sul palco della Mole, la coinvolgente Compañia Arte y Flamenco. Saranno gli Enerbia ad esibirsi alle 6 di mattina di sabato 2 settembre dalla Terrazza Eventi Unicorn, mentre alle ore 18 verranno proiettati dei cortometraggi croati a cura di Corto Dorico (si replica anche il giorno successivo, stessa ora). A partire dalle 21.15, il celebre cantautore e chitarrista Enzo Gragnaniello donerà frammenti autentici di cultura partenopea ad Ancona. Ultima alba, quella di domenica 3 settembre sempre in terrazza al Passetto (ore 6), con la sei corde di Claudio Farinone. Chiuderà la rassegna Giuseppe Moffa con il suo omaggio a Eugenio Cirese alla Corte della Mole (ore 20.30).





“Adriatico Mediterraneo – dichiara l’assessore regionale alla Cultura Chiara Biondi - è un festival ormai storico centrato sulla cooperazione internazionale e caratterizzato da un’alta qualità della proposta culturale. Con uno sguardo particolare ai rapporti tra Italia e Balcani, il festival, edizione dopo edizione, offre spunti interessanti sulle sinergie e le relazioni tra i popoli che si affacciano sul nostro mare, sul significato di integrazione e di apertura al dialogo attraverso la conoscenza delle culture, dell’arte, della musica e delle tradizioni popolari così da costruire una prospettiva di amicizia per un futuro di pace. La kermesse nella città dorica che presentiamo oggi si snoda in un ricco cartellone di eventi e appuntamenti con artisti e intellettuali di fama internazionale, momenti preziosi di arricchimento culturale e fortemente attrattivi per visitare i luoghi più suggestivi del capoluogo”.


Cristina Amici degli Elci











Comments


bottom of page