OSTRA VETERE

Prenota un Tour, una guida

o chiedi info sul territorio,

su cosa vedere o degustare

pro-loco-Ostra-Vetere-logo-le-belle-marche.jpg

Paese antico è Montenovo 

su dei colli è un buon ritrovo

 

E l’Ostra Antica a le Muracce

tu la vedi e... te tocca a stacce!

torre-paese-le-belle-marche.png
Ostra-Vetere-panorama-notturna-le-belle-
Ostra Ostra-antica le belle marche.jpg

Ostra Antica

Ostra Vetere

la storia

Ostra Vetere è una antica città romana, fondata agli inizi degli anni 1000, in prossimità del colle dove oggi sorge il centro storico. Dopo diverse vicende e dispute tra Montenovo e Montalboddo (oggi Ostra ) nel 1882 un Regio Decreto attribuisce a Montenovo il nome di Ostra Vetere (cioe Ostra Vecchia ).

 

Ed è proprio qui ad Ostra Vetere, in località Pongelli che si possono visitare le antiche rovine di Ostra Antica. Il centro storico è dominato dalla bella guglia neogotica della chiesa di Santa Maria di Piazza: tra le vie e gli scorci del borgo  si possono visitare le chiese di San Severo e di Santa Lucia.

 

Di fianco a quest’ultima troviamo il Polo Museale Terre di Montenovo, dove si possono ammirare le opere della scuola Marchigiana del ‘400 ed una antica biblioteca francescana, con oltre 3500 volumi di pregio.

OstraVetere-casa-Di-Terra-le-belle-marche.jpg

la casa di terra

Eventi

Eventi archeologici diffusi

Luglio

Mese interamente dedicato alle iniziative collaterali agli scavi archeologici, in località “Muracce“: eventi sia nel centro storico (Polo Museale Terra di Montenovo), sia in località Muracce ,dove sono ben visibili gli scavi archeologici.

Luoghi da visitare

> Parco archeologico (località Muracce)

A circa tre chilometri dal centro storico sorge l’area archeologica “Le Muracce“ della città romana di Ostra, in località Pongelli di Ostra Vetere. Visibili nell’area i ritrovamenti venuti alla luce nelle varie fasi di scavo che hanno portato alla luce molti edifici, tra i quali le terme, un anfiteatro, il tempio, una bellissima porzione di sede stradale

> Chiesa di Santa Lucia

Nella chiesa vengono sono venerate le spoglie e le reliquie della Beata Suor Maria Satellico, beatificata da Papa Giovanni Paolo II nel 1993; nel corpo centrale della chiesa, oltre lo splendido altare, decorazioni barocche di pregio, nella cantoria è installato l’organo del 1707 restaurato e funzionate.

> Polo museale Terre di Montenovo

Al suo interno si trovano l’Atiquarium dell’Antica città Romana di Ostra e la Raccolta Azienda Agricola Marulli, al piano superiore opere dei pittori Cristoforo Roncalli, Giovan Battista Lombardello, Lazzaro Morelli; presente anche  l’Antico Fondo Librario delle Comunità Conventuali di Montenovo, con circa 3500 volumi tra incunaboli, cinquecentine e  seicentine.

> Chiesa di San Antonio

Incorporata in un imponente edificio seicentesco, già chiesa madre della confraternita di San Rocco, al suo interno un pregevole soffitto a cassettoni e un affresco cinquecentesco raffigurante la “Madonna del Soccorso“.

> Porta IV Agosto 

Già Porta S. Croce, è uno dei tre accessi al centro medioevale: l’aspetto attuale è frutto di un tardo  rimaneggiamento effettuato con intento esornativo.

> Palazzo Poccianti

Palazzo rinascimentale, con bel portale in arenaria, è documento del gusto e della raffinatezza della famiglia Poccianti, insediatasi a Montenovo e proveniente da Ragusa (l’odierna Dubrovnik, in Croazia).

La costruzione è ingentilita sul lato sinistro da una caratteristica loggia dalla quale si spazia sulla vallata del Nevola  fino alle colline che digradano verso il Cesano. Il palazzo è utilizzato come sala espositiva e auditorium.

> Chiesa di Santa Maria di Piazza

È la chiesa principale (attualmente chiusa per verifica sismica), sia per dimensioni, sia per impatto visivo: antica sede di un’Abbazia Benedettina, dopo la fondazione nel 1444, è stata per due volte integralmente ricostruita. L’assetto attuale deriva dall’ultimo rifacimento dei primi del ‘900 , su progetto del bolognese Giovanni Gualaldi. Dalla cupola e dal campanile si gode una vista splendida che spazia dall’Adriatico all’Appennino.

> Chiostro di San Francesco 

Ricavato nell’area della ex chiesa di San Francesco (Piazza della Libertà), abbattuta nei primi anni del XX secolo, è ancora presente il chiostro: in corpo unico con l’antico complesso monastico, presenta un impianto Quattrocentesco, anche se ampiamente rimaneggiato nei secoli XVII e XVIII. All’interno del chiostro, interessanti tracce del ciclo di affreschi di soggetto francescano che lo decorava sui quattro lati; sulla destra si erge l’antica torre campanaria del convento .

> Convento di San Pasquale

  (Chiesa di S. Croce)

Il convento e la chiesa di Santa Croce, conosciuti anche con il nome di San Pasquale, sorgono fuori dal centro urbano di Ostra Vetere, in collina. La costruzione della chiesa e dell’annesso convento francescano risale ai primi del seicento. Dietro l’altar maggiore abbiamo una Crocifissione con Santi di Claudio Ridolfi detto "il Veronese" (1570 -  1644). A sinistra della navata la cappella dedicata a S. Pasquale realizzata nel 1922-23; all’interno un organo Callido del 1788.

> Chiesa San Severo 

Conserva due altari barocchi con pale seicentesche e un artistico organo posto in opera nel 1895. Sulla   facciata esterna è collocato un maestoso portale del 1200, proveniente dalla Chiesa di San Francesco al  Mercatale .

> Chiesa del SS Crocefisso 

Edificata nel ‘500 inglobando una preesistente edicola sacra, è divisa internamente  in due corpi separati da una cancellata lignea. Dietro l’altare maggiore, una Crocifissione quattrocentesca di scuola marchigiana. Le pareti sono decorate da affreschi del XV e XVI secolo, alcuni attribuiti al montenovese Giovanni Battista Lombardelli, pittore attivo nella seconda metà del Cinquecento nelle Marche, in Umbria e a Roma.

> La casa di Terra

Interessante tipologia costruttiva “povera“, tipica delle campagne marchigiane. Costruita agli inizi del novecento ed abitata sino alla metà del secolo, è stata acquistata e ristrutturata dal Comune.

Ostra-Vetere-guglie-chiesa-5-le-belle-ma
Ostra-Vetere-Trattori-le-belle-marche.jp

Tipicità

Tipica situazione agricola collinare, Ostra Vetere vanta prodotti di eccellenza, tra i quali spiccano Verdicchio, olio extra vergine di Raggia e il Maiorchino, dolce tipico ed esclusivo di questo Comune. Il Verdicchio, a Pongelli di Ostra Vetere, viene prodotto dalla pluripremiate cantine; l’olio extra vergine di oliva “Raggia“ è coltivato e prodotto da diverse aziende agricole locali, sia nella versione biologico, sia tradizionale.

 

Maiorchino

Il dolce tipico di Ostra Vetere. La sua preparazione risale ai primi del ‘900, come descritto dallo storico Tommaso Lucchetti:“Il marocchino (oggi Maiorchino), dolcetto radicato nella memoria di Ostra Vetere, nasconde dietro questo nome esotico un’origine legata ad un in gradiente segreto della sua bontà. Intinto in caffè, vino, liquori, celebrava i rituali festeggiamenti domestici nelle famiglie per le comunioni e cresime“. Ostra Vetere ha anche una lunga tradizione legata all’apicoltura, tanto che Api è cognome tipico e diffusissimo tra i residenti di questo territorio.

Ostra Vetere il Maiorchino le belle marc

Il Maiorchino

Ostra-Vetere-panorama-4-le-belle-marche.

Prenota un Tour,

una guida, o  chiedi info sul territorio, su cosa vedere o degustare

Road Map

pro-loco-Ostra-Vetere-logo-le-belle-marche.jpg

Proloco Ostra Vetere

Via Mazzini, 25
60010 Ostra Vetere AN

Tel: 331 8415909 proloco.ostravetere@libero.it