logo-proloco-cupramontana-le-belle-march

Or qui giunti a la vecchia Massaccio

di vini frizzanti  antico spaccio

 

De lo Re Verdicchio è terra madre

che qui s’onora in secolari sagre 

CUPRAMONTANA

Prenota un Tour, una guida

o chiedi info sul territorio,

su cosa vedere o degustare

torre-paese-le-belle-marche.png
Cupramontana-stemma-leone-1-le-belle-mar

Cupramontana

la storia

Verdicchio-le-belle-marche.jpg

Il Verdicchio 

Eventi

Cupramontana è stata probabilmente fondata nei secc. VI-V a.C. e in età augustea fu importante municipio romano.


Il nome deriva da un tempio dedicato alla Dea Cupra che vi sorgeva. Devastata durante la guerra greco-gotica, fu abbandonata e le sue rovine vennero utilizzate per la costruzione dell’attuale castello, che sorse a poca distanza in un luogo più elevato cui fu dato nome di Massaccio (Massa di Accio). Dal VII sec. entrò a far parte del ducato longobardico di Spoleto.


Dal sec. XIII confluì nel contado di Jesi, diventandone fino al suo scioglimento nel 1808 il centro più importante.

Nel sec. XV fu una delle roccaforti della setta eretica dei Fraticelli, passando per l'occupazione delle truppe di Francesco Sforza e il saccheggio da parte delle milizie del duca Francesco Maria Della Rovere.

Nel 1747 nei pressi del Massaccio, si riscoprì il luogo dove sorgeva l'antica CupraMontana, nome che gli fu di nuovo conferito nel 1861 da re Vittorio Emanuele II.

Cupramontana-palazzo-comunale-1-le-belle

Fine mese di Luglio

Una notte dedicata al principale prodotto del territorio, il Verdicchio.

I commercianti, i gestori dei bar e degli esercizi alimentari e le cantine vinicole espongono il meglio dei loro prodotti negli ambienti più particolari del centro storico: numerose iniziative collaterali, quali concerti, danze, esibizioni e raduni, una festa in cui si mangiano e si bevono i prodotti della terra di Cupramontana e che viene considerata un po’ la vigilia e anticipazione estive della Sagra dell’Uva.

Cupramontana Il Barlozzo le belle marche

Il Barlozzo

Luoghi da visitare

> Musei In Grotta

Un complesso museale nelle cantine dell'ex monastero di S. Caterina che racconta principalmente la storia e le tradizioni legate al Verdicchio.

 

Nelle varie sale a volta si trovano l'ufficio turistico, il Museo Internazionale dell'Etichetta, la sala della Sagra dell'Uva, l'Enoteca e la Strada del Gusto.

> Horto de i Semplici

Orto botanico che si trova nell'antico orto del monastero di Santa Caterina (XVIII secolo), con una raccolta di erbe e piante medicinali selvatiche autoctone.

Si riferisce ai giardini medievali della città, dove erano coltivati i Semplici: semplici piante selvatiche autoctone ed erbe con proprietà medicinali.

Il giardino contiene una raccolta di piante medicinali locali, classificate in base alla funzione della pianta nel corpo.

> Museo Internazionale dell'Etichetta

Unico nel suo genere a livello europeo: più di 90.000 etichette provenienti dall’Italia e da ogni parte del mondo.
Il Museo sottolinea l’importanza della forma d’arte legata al prodotto (che sia esso vino o altra bevanda), imprescindibile, non solo dall’estetica della bottiglia, ma anche dall’etichetta.

Dalla prima all'ultima sala, un excursus storico dell’etichetta, le etichette provenienti dai vari continenti,quelle da vari paesi europei, a quelle raggruppate per temi, ai “bozzetti di artista”, vere opere d’arte ispirate al vino e al Verdicchio.

Una sala dedicata al Premio Nazionale Etichetta d’Oro,  la storia dell’evento più importante di Cupramontana, la Sagra dell’Uva, e il percorso “Strada del Gusto”: descrizioni dettagliate e accurate che presentano i prodotti unici di Cupramontana.

> EnoCupra

Area di degustazione e vendita all'interno delle aree, al termine del percorso del MIG: il momento per assaggiare, scoprire il vero gusto del territori assaggiando i prodotti enogastronomici di tutto il territorio del Verdicchio e delle Marche.

Enocupra è una zona relax dotata di enoteca e attrezzatura base per la ristorazione, adatta ad ospitare eventi di degustazione, convegni, momenti in cui cibo e Verdicchio possano abbinarsi per mostrarsi al pubblico nel loro valore più autentico.

Centro storico

> Palazzo del Comune

Luogo iconico di Cupramontana, il Palazzo Comunale, è alla fine di Piazza Cavour. L’importanza della piazza è aumentata con l’apertura di Porta Nova, che diventò la via d’accesso principale al borgo, e la costruzione del Palazzo Comunale, iniziato nel settembre del 1777.
Questo edificio, che prima era sede dei Priori, fu costruito su disegno dell’architetto Mattia Capponi (1720-1803), nome legato anche a altre opere della cittadina. In stile neoclassico con torre civica a vela, l’edificio domina con la sua facciata il centro cittadino.

 

> Piazza IV Novembre

La parte più centrale di Cupramontana, Piazza IV Novembre, è l’unica ad aver subito una modifica totale molti anni dopo i grandi cambiamenti architettonici che iniziarono nel 1770. Oggi è possibile ammirare il perimetro degli antichi edifici. E per i più curiosi, un pannello esplicativo riporta anche alcune foto originali di pochi anni prima della demolizione.

> Chiesa San Leonardo

Il luogo su cui sorge la Chiesa di San Leonardo, costruita nel 1760, su disegno dell’architetto Cristoforo Moriconi (1722-1805), coincide con quello della prima chiesa costruita all’interno delle mura castellane nel 1151. Le quattro statue poste nelle nicchie del prospetto principale raffigurano la Vergine con il Bambino, San’Andrea da Avellino, Sant’Eleuterio e San Leonardo.

 

> Chiesa San Lorenzo

Ad opera dell’architetto cuprense Mattia Capponi, realizzata dal 1770 al 1787.
La Chiesa è in perfetto stile neoclassico: degni di nota la pala d’altare raffigurante il Martirio di San Lorenzo, di Francesco Appiani (1704-1792) e le due tele di Pietro Locatelli (1640-1710): il Martirio del Beato Angelo da Massaccio e l’altra con Santa Lucia, San Pier Damiani e un martire soldato, datata 1660.

 

> Acquedotto Romano

Elemento rimasto meravigliosamente intatto risalente all’epoca romana: rimasto “nascosto” per molti anni, l’acquedotto corrisponde al tratto iniziale dell’antico acquedotto romano, scoperto nel 1779.
Magnifico esempio dell' epoca romana, è un cunicolo interamente scavato a mano nell’arenaria.

Cupramontana-LuigiBartolin-corri.jpg

Luigi Bartolini

Siamo famosi...

siam tutti qua!

PERSONAGGI FAMOSI

di Cupramontana

Luigi Bartolini

(1892-1963), pittore, incisore, acquafortista; Scrittore e poeta. Considerato insieme a Giorgio Morandi e Giuseppe Viviani tra i maggiori incisori italiani del Novecento. Notevole anche la sua attività di scrittore, poeta, critico d'arte e polemista, con oltre 70 libri pubblicati con le maggiore case editrici: Vallecchi, Arnoldo Mondadori Editore, Longanesi, Nistri Lischi. Fu collaboratore delle principali riviste e giornali italiani: Il Selvaggio, Frontespizio, Quadrivio, Maestrale, Corriere della Sera, il Borghese. Nel 1946 pubblicò per l'editore Polin di Roma il romanzo Ladri di biciclette, dal quale Cesare Zavattini trasse spunto per la sceneggiatura dell'omonimo film di Vittorio De Sica.

Tipicità

Vincisgrassi e non solo...

Le ricette cuprensi prevedono poi l’uso della pasta all’uovo o della polenta, condita con sughi di carne soprattutto di animali da cortile.


Oltre ai vincisgrassi, la tradizione prevede altri tipi di pasta all’uovo, come tagliatelle, gnocchi, cappelletti o pappardelle, che possono essere accompagnati dal ragù alla papera, tutelato persino dalla denominazione comunale De.Co. “Cupramontana”.

Con questo riconoscimento vengono valorizzate anche altre ricette cuprensi, che si estendono ai secondi piatti e i formaggi.

Escursionismo e Ciclismo

Sul territorio di Cupramontana si trovano numerosi percorsi ciclabili ed escursionistici. Una guida con tutti i percorsi segnalati può essere scaricata gratuitamente qui .

_bike-simboli-le-belle-marche-ok-10.png
Cupramontana-HortoBotanico-corr.jpg

Orto Botanico

Prenota un Tour,

una guida, o  chiedi info sul territorio, su cosa vedere o degustare

Road Map

logo-proloco-cupramontana-le-belle-march

Turismo Cupramontana
Piazza Cavour, 30 
60034 Cupramontana AN
Tel: 0731 780199
turismo@cupramontana-accoglie.it

www.turismo-cupramontana.com

 

ProCupra

procupra1@gmail.com

L'ufficio turistico si trova all'ingresso del complesso museale "MIG | Musei In Grotta".
Qui puoi trovare una mappa della città gratuita, indirizzi di alloggi, brochure, mappe per escursioni a piedi e in bicicletta, guide, volantini, cartoline, souvenir e molte informazioni che renderanno la tua visita a Cupramontana ancora più piacevole.